Crediti d’imposta 4.0

In arrivo la proroga al 31 dicembre 2023 della consegna dei beni ordinati nel 2022.

Dopo il tentativo di inserirla negli emendamenti al disegno di legge di bilancio, arriva la mossa definitiva del Governo sulla questione della proroga dei termini di consegna dei beni ordinati nel 2022.

E’ stato inserito nel Decreto milleproroghe un provvedimento che consente alle aziende di fruire delle maggiori aliquote previste per quest’anno anche in caso di consegne tardive, oltre il termine originariamente previsto del 30 giugno 2023.

Si ricorda che attualmente le aliquote 2022 previste dal piano Transizione 4.0 sono del 40% per gli investimenti fino a 2,5 milioni di euro, del 20% per investimenti compresi tra 2,5 e 10 milioni di euro e del 10% per investimenti compresi tra 10 e 20 milioni di euro. A partire dal primo gennaio 2023 queste aliquote saranno dimezzate.

Anche se è attualmente in discussione la possibilità di rimodulare le aliquote del 2023, le aziende attendevano quantomeno la proroga delle consegne al 31 dicembre 2023 per i beni ordinati entro il 31 dicembre 2022 in luogo del termine originario fissato al 30 giugno 2023.

Si attende adesso la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto Milleproroghe, le cui disposizioni saranno effettive a partire dal giorno successivo a quello della pubblicazione.

Per maggiori informazioni contattare Francesco Angeletti
Tel. 071 29048218 | mobile  3315758931 | email f.angeletti@confindustria.an.it

Se hai bisogno di contattare i nostri uffici puoi accedere, dal pulsante 

 a tutti i nostri contatti che possono essere ordinati e filtrati per Cognome, Nome, reparto ecc.

ULTIME NEWS

Cybersecurity awereness

La rivoluzione digitale espone sempre di più le imprese a nuovi rischi significativi, specialmente nel campo della cybersicurezza. Pertanto, una gestione efficace dei rischi legati alla sicurezza informatica diventa cruciale,

Leggi Tutto »

TFR: Trattamento di Fine Rapporto

Coefficiente di rivalutazione per il mese di aprile 2024 Ad Aprile 2024 l’indice di rivalutazione dei prezzi al consumo per le famiglie è risultato pari a 119,30.  Pertanto, il coefficiente

Leggi Tutto »