Dual Use: provvedimento “catch-all”

Introdotto l’obbligo di autorizzazione preventiva per l’esportazione di motori per l’aviazione e loro parti verso alcuni Paesi

Si segnala che con Decreto del Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale del 10 luglio 2023, è stato emanato un provvedimento di “catch-all” ai sensi dell’art. 9 del D.Lgs. n. 221/2017, al fine di sottoporre a preventiva autorizzazione l’esportazione, verso determinati Paesi, di alcuni beni non inclusi nella lista dei prodotti a duplice uso di cui all’allegato I del Regolamento (UE) 2021/821 (c.d. Regolamento Dual Use).

La clausola “catch-all”, infatti, prevede che prodotti non ricompresi nell’elenco dell’allegato I del Regolamento Dual Use e quindi, in linea teorica, esenti da autorizzazione, possano essere qualificati come duali – e pertanto suscettibili di autorizzazione – in base a provvedimenti specifici adottati dalle autorità competenti degli Stati membri UE.

Il provvedimento ministeriale stabilisce a carico degli esportatori nazionali l’obbligo, con decorrenza dall’11 luglio 2023 e per i prossimi 3 anni, di sottoporre ad autorizzazione preventiva le operazioni di esportazione, fornitura di servizi, intermediazione e assistenza tecnica, aventi come destinazione finale l’Armenia, l’Iran, il Kazakistan e il Kirghizistan, dei seguenti beni:

  1. motori a pistone alternativo o rotativo, con accensione a scintilla (motori a scoppio) utilizzabili nel settore dell’aviazione. Per “settore dell’aviazione” sono da intendersi: aeroplani, veicoli aerei senza pilota (c.d. UAVs), elicotteri, autogiri, aerei ibridi o modelli radio-controllati;
  2. parti riconoscibili come destinate, esclusivamente o principalmente, ai motori di cui al punto precedente.

 

Nella banca dati TARIC sono state inserite misure automatizzate di controllo sui codici NC 84071000 e 84091000.

Il provvedimento si inserisce tra le azioni intraprese dagli Stati membri UE per limitare lo sforzo bellico della Russia, in seguito all’invasione dell’Ucraina, anche attraverso l’uso di sistemi offensivi quali i velivoli senza pilota (c.d. droni o UAVs), assemblati con componentistica anche estranea a scopi militari, quali sono i componenti richiamati dal decreto del 10 luglio scorso.

Obiettivo del provvedimento è altresì quello di contrastare il rischio di elusione delle misure restrittive adottate dall’Unione Europea nei confronti della Russia e della Bielorussia. Questo rischio è considerato particolarmente elevato per quanto riguarda Armenia, Kazakistan e Kirghizistan, Paesi dai quali i prodotti potrebbero facilmente essere riesportati verso la Russia e la Bielorussia, in forza della comune appartenenza all’Unione doganale eurasiatica. Stessi rischi sussistono nei confronti dell’Iran che negli ultimi mesi ha fornito alla Russia droni e armamenti che sono stati utilizzati sul campo di battaglia.

Per maggiori informazioni contattare Umberto Martelli
Tel. 071 29048222  | mobile 334 6176763 | email u.martelli@confindustria.an.it

Se hai bisogno di contattare i nostri uffici 
puoi accedere, dal pulsante 

 a tutti i nostri contatti che possono essere ordinati e filtrati per Cognome, Nome, reparto ecc.

ULTIME NEWS

Vuoi avere il giusto benchmark retributivo?

Partecipa all’ indagine retributiva di Confindustria Ancona VUOI AVERE IL GIUSTO BENCHMARK RETRIBUTIVO? PARTECIPA ALL’ INDAGINE RETRIBUTIVA DI CONFINDUSTRIA ANCONA: Confindustria Ancona, in collaborazione con OD&M Consulting e altre associazioni

Leggi Tutto »

Voucher innovation manager

Apertura procedura informatica per la rendicontazione dei progetti Sul sito del Ministero delle Imprese e del Made in Italy è stato pubblicato l’avviso relativo all’apertura della procedura informatica per la rendicontazione dei

Leggi Tutto »