ccnl

Ccnl Grafici Editoriali – Ipotesi di accordo di rinnovo

Il 19 dicembre 2023 è stata sottoscritta l’ipotesi di accordo per il rinnovo del CCNL Grafici Editori.

Si ricorda che ogni decorrenza ivi prevista è comunque sospesa sino allo scioglimento della riserva, che si attende dal sindacato una volta completato il giro delle assemblee dei lavoratori.

Di seguito si sintetizza il contenuto dell’ipotesi di accordo, rimandando alla lettura della stessa per ogni ulteriore approfondimento.

Per la parte normativa l’ipotesi prevede:

  • decorrenza da gennaio 2024 (salvo scioglimento della riserva) e durata di anni 3 (fino al 31.12.2026);
  • ampliamento della sfera d’applicazione del Contratto, con particolare attenzione al mondo digital ed inserimento di nuovi profili professionali;
  • istituzione dell’Organismo Bilaterale Permanente su organizzazione del lavoro e livelli di inquadramento;
  • piattaforma di servizi welfare, per le sole aziende interessate, con condizioni di miglior favore per gli associati;
  • promozione della formazione su temi riguardanti la parità di genere;
  • proroga dell’iscrizione automatica di tutti i lavoratori a Salute Sempre per la durata del Contratto ed incremento della quota mensile di iscrizione che passa da 10 a 13 euro;
  • procedura sindacale in caso di modifica del CCNL applicato;
  • conto individuale del tempo da attivarsi con accordo aziendale;
  • ferie e rol solidali definite a livello aziendale;
  • nota a verbale su orari sperimentali da discutere a livello aziendale;
  • linee guida sullo smart working e monitoraggio dello strumento con riferimento alla gestione di ferie e permessi;
  • preavviso minimo di tre giorni per la fruizione dei permessi ex legge 104/1992 ove fruiti per un utilizzo programmabile;
  • individuazione di causali dei contratti a tempo determinato per estendere o stabilire una durata fino a 24 mesi.

 

Per la parte economica l’ipotesi prevede:

  • dal 1° gennaio (salvo scioglimento della riserva) un aumento del contributo Byblos a carico azienda dello 0,2%;
  • incremento del TEM (minimi salariali esclusi EDR e Contingenza), da riparametrarsi secondo le rispettive tabelle di Grafici (livello B3) e editoriali (livello 2), per complessivi € 252,00 a regime, con le seguenti decorrenze: marzo 2024 € 90,00; ottobre 2024 € 30,00; maggio 2025 € 30,00; ottobre 2025 € 50,00; luglio 2026 € 52,00;
  • UNA TANTUM: ai lavoratori in forza alla data del 19 dicembre 2023 verrà erogato l’importo lordo di € 200,00, commisurato al periodo di servizio prestato dall’ultima scadenza (31.12.2022), con riduzione proporzionale esclusivamente in caso di aspettativa, assenza facoltativa, CIG/FIS e cassa in deroga a zero ore. L’una tantum, comprensiva dei riflessi sugli istituti contrattuali diretti ed indiretti, non è utile ai fini del computo del TFR e verrà così corrisposta: € 100,00 lorde con la retribuzione del mese di gennaio 2024 (non appena sciolta la riserva); € 100,00 lorde con la retribuzione di gennaio 2025.

Per maggiori informazioni contattare Ufficio sindacale
Tel. 071 29048270 | email lavoro@confindustria.an.it

Se hai bisogno di contattare i nostri uffici puoi accedere, dal pulsante 

 a tutti i nostri contatti che possono essere ordinati e filtrati per Cognome, Nome, reparto ecc.

ULTIME NEWS

AI Act

Webinar “AI Act: i contenuti del nuovo Regolamento sull’Intelligenza Artificiale” – lunedì 25 marzo, ore 10:00 La Delegazione di Confindustria a Bruxelles organizza il webinar “AI Act: i contenuti del nuovo

Leggi Tutto »

La riforma fiscale 2024

Confindustria Ancona, in collaborazione con Il Sole 24 ore e Deloitte & Touch S.p.A., propone un percorso di aggiornamento sulle novità introdotte dalla riforma fiscale recentemente approvata dal governo.Il percorso

Leggi Tutto »