L’economia circolare raccontata da voi

“Riutilizzare materiali di scarto per introdurli in nuovi cicli produttivi al fine di ridurre al minimo gli sprechi che oggi creano un sistema che non sta ottimizzando le risorse naturali che dovremmo risparmiare per preservare il mondo in cui viviamo”

Ma che cos’è esattamente l’economia circolare?
Quali sono i motivi e i vantaggi che spingono verso tale cambiamento?

L’economia circolare è, giustamente, un modello di produzione e consumo che implica quanto più possibile condivisione, riutilizzo, riparazione e riciclo dei materiali e prodotti esistenti.

In questo modo si estende il ciclo di vita dei prodotti, contribuendo a ridurre i rifiuti al minimo. Una volta che il prodotto ha terminato la sua funzione, i materiali di cui è composto vengono reintrodotti, laddove possibile con il riciclo, nello stesso o in altri cicli produttivi, sottoforma di materia prima seconda. Questi continuano così a generare ulteriore valore, senza necessità di adozione ed estrazione di materie prime vergini.
In poche parole, la transizione verso un’economia circolare sposta l’attenzione sul riutilizzare, aggiustare, rinnovare e riciclare i materiali e i prodotti esistenti: quel che normalmente si considerava come “rifiuto” può essere trasformato in una risorsa.

Si può misurare la circolarità?

Sì. La specifica tecnica UNI/TS 11820:2022, come quella interazionale ISO 59020, definisce un set di indicatori contestualizzati alla dimensione aziendale, atti a valutare, attraverso un sistema di rating, il livello di circolarità di un’organizzazione.
Il sistema di rating non prevede livelli minimi di circolarità, ma fornisce una valutazione sul livello raggiunto.
I metodi e gli indicatori che sottendono la norma sono in vigore dal 30 novembre 2022.

Cavallari srl e la sostenibilità ambientale

 

Essendo un’azienda di gestione dei rifiuti urbani e non, Cavallari srl applica la circolarità come modus operandi all’interno di ogni sua operazione aziendale e si pone come obiettivo quello di valorizzare ogni scarto in input per cercare di donargli una seconda vita, risolvendo in prima persona uno dei problemi che noi tutti affrontiamo giornalmente: il riciclo.
Grazie a consistenti investimenti strutturali, impiantistici, e attraverso le sue varie sedi sul territorio, sviluppa tecniche di compostaggio, termovalorizzazione, trattamento di raccolta differenziata ed in particolare di gestione delle plastiche.
Il video sottostante riporta l’intervista dell’imprenditore Francesco Cavallari che gentilmente ha condiviso con noi i dettagli delle potenzialità e degli ostacoli che vive giornalmente all’interno della sua azienda.

Vuoi inviarci anche tu un video o un audio che rappresenti la mission della tua azienda o un’iniziativa importante che vorresti condividere con il tuo settore d’appartenenza, con tutti i soci e con noi?

Inviacelo o contattaci allo 071 29048206 (Ufficio Comunicazione)

ULTIME NEWS

Credito ricerca e sviluppo: cosa fare?

Giovedì 11 luglio ore 15.00 – 18.30 presso Confindustria Ancona Con l’approssimarsi della scadenza per la Sanatoria facciamo il punto della situazione sugli investimenti per ricerca e sviluppo, tentando di

Leggi Tutto »

Voucher per la Transizione Ecologica delle PMI

Domande a partire dal 8 luglio Nell’ambito del progetto finanziato dall’incremento del Diritto Annuale “Transizione Digitale ed Ecologica” la Camera di Commercio promuove un Voucher per l’acquisto di servizi di consulenza, formazione e

Leggi Tutto »