Nuovo strumento SIMEST per il sostegno delle imprese esportatrici con approvvigionamenti da Ucraina e/o Federazione Russa e/o Bielorussia

Possibilità di presentare richiesta a partire da settembre 2022

Con la Circolare n. 2/394/2022 il Comitato Agevolazioni di SIMEST ha reso note le caratteristiche del nuovo intervento agevolativo a sostegno delle imprese italiane esportatrici per fare fronte agli impatti negativi derivanti dalle difficoltà o dai rincari degli approvvigionamenti da Ucraina e/o Federazione Russa e/o Bielorussia.

Più nello specifico, ai fini dell’ammissibilità all’intervento agevolativo, le imprese devono:

  • avere sede legale in Italia, essere costituite in forma di società di capitali e qualificabili come PMI o Mid Cap;
  • aver depositato presso il Registro Imprese almeno 3 bilanci relativi a 3 esercizi completi;
  • aver realizzato nel triennio 2019-2021 una quota di fatturato medio estero pari almeno al 10% del fatturato medio totale;
  • aver registrato, sulla base degli ultimi 3 bilanci (2019-2021), una quota minima di approvvigionamenti da Ucraina e/o Federazione Russa e/o Bielorussia, rispetto agli approvvigionamenti complessivi, pari almeno al 5% (la quota sale al 10% nel caso di approvvigionamenti indiretti di semilavorati e prodotti finiti strumentali al ciclo produttivo e nel caso di approvvigionamenti misti, diretti ed indiretti), come asseverato da un revisore;
  • dichiarare un rincaro dei costi degli approvvigionamenti (diretti e/o indiretti) e di prevedere che, al termine dell’esercizio 2022, si registrerà un aumento del costo medio unitario degli approvvigionamenti (diretti ed indiretti) da Ucraina e/o Federazione Russa e/o Bielorussia e/o da geografie alternative di approvvigionamento, pari ad almeno il 20% rispetto alla media del triennio 2019-2021 e/o dichiarare una riduzione dei quantitativi di approvvigionamenti (diretti e/o indiretti) e di prevedere che, al termine dell’esercizio 2022, si registrerà una riduzione dei quantitativi degli approvvigionamenti (diretti ed indiretti) da Ucraina e/o Federazione Russa e/o Bielorussia pari ad almeno il 20% rispetto alla media del triennio 2019-2021.

Lo strumento prevede un finanziamento a tasso agevolato (pari al tasso di riferimento durante il periodo di preammortamento e a zero durante il periodo di ammortamento) in regime “de minimis” con cofinanziamento a fondo perduto in regime di “Temporary Crisis Framework”, fino al 40% dell’intervento agevolativo complessivo ed entro il limite di € 400.000 per impresa (la concessione del cofinanziamento a fondo perduto è subordinata alla preventiva autorizzazione della misura da parte della Commissione europea).

L’importo massimo finanziabile è pari a € 1.500.000 in funzione della classe di scoring SIMEST e della quota di approvvigionamenti (diretti e/o indiretti) dell’impresa richiedente verso le tre aree.
Non può comunque superare il 25% dei ricavi medi risultanti dagli ultimi 2 bilanci approvati e depositati.

Per maggiori approfondimenti rinviamo al documento allegato e al sito di SIMEST.

Le domande potranno essere presentate a partire da settembre (data apertura portale da definire).

Per maggiori informazioni contattare Umberto Martelli
Tel. 071 29048222  | mobile 334 617676 3 | email u.martelli@confindustria.an.it

Se hai bisogno di contattare i nostri uffici 
puoi accedere, dal pulsante 

 a tutti i nostri contatti che possono essere ordinati e filtrati per Cognome, Nome, reparto ecc.

ULTIME NEWS

Assemblea dei Soci 2024

Venerdì 31 maggio presso la sede Mostra Creativity in Fabriano Piazza Giambattista Miliani – Fabriano Ore 16,00 registrazione partecipanti Ore 16,30 inizio lavori e apertura del seggio per le votazioni

Leggi Tutto »

I giovani crescono con il territorio

Campus di orientamento gratuito per giovani dai 15 ai 17 anni Dopo l’esperienza del Future Campus Fabriano, giunto ormai alla terza edizione, l’Associazione Il Paesaggio dell’Eccellenza e Confindustria Ancona, in

Leggi Tutto »